Zigulì, la mia vita dolceamara con un figlio disabile

Immaginate di trattenere dentro la rabbia, l’insofferenza, il senso di impotenza. E il fastidio. Perché di irritazione verso l’inutile politically correct si tratta, quando un padre cresce un figlio disabile. Che lo costringe a misurarsi con la retorica peggiore di una comunità affetta da un pietismo inutile. Zigulì è la grandezza del cervello di Moreno, un bambino splendido di otto anni con un papà incazzato (arrabbiato non è abbastanza) e il titolo di questo resoconto parziale di un’esistenza costruita su interrogativi costanti e certezze precarie che squarcia il silenzio ipocrita di una società che non ammette debolezze.

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=MGSP4NseFr8&w=560&h=315]

Zigulì, la mia vita dolceamara con un figlio disabileultima modifica: 2013-06-04T20:31:46+02:00da principian2
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment